5 Motivi per cui l’Intrattenimento Erotico è una Esperienza Irresistibile

Benvenuto nel sito ufficiale della Linea Erotica. Il Sito Numero uno in Italia per intrattenimento Erotico sotto ogni punto di vista.

Se già conosci i nostri servizi puoi chiamare subito il nostro centralino con i l numero qui di seguito e parlare con le nostre ragazze. Lasciati sedurre dalla loro fantasia e inizia a divertirti con loro.

Se cerchi informazioni sul servizio e vuoi avere maggiori informazioni o comprenderne meglio le caratteristiche segui le informazioni de la Linea Erotica.

Cos’è l’Intrattenimento erotico?

Per chi fosse alla prima esperienza cerchiamo di spiegarti cos’è il Telefono Erotico in poche parole. Più comunemente chiamato Linea Erotica si tratta di un servizio di intrattenimento per adulti. Questo è finalizzato a farti avere incontri, prettamente telefonici, per delle conversazioni quasi sempre molto piccanti. I nostri Numeri Erotici sono messi a disposizione dei clienti in base a categorie più specifiche. Per semplificare il genere della conversazione che si vuole ottenere la richiesta del cliente verrà indirizzata al centralino mettendolo direttamente in contatto con la ragazza.

Guida all’utilizzo de la Linea Erotica

Abbiamo deciso di adottare una trasparenza con tutti i nostri clienti offrendo ai nostri clienti dei canali social sui quali poterci seguire costantemente. Ma prima di continuare ti invitiamo a guardare il nostro video con una telefonata prova che verifica il funzionamento della stessa! Questo ti aiuterà in tutte le informazioni possibili del settore dell’intrattenimento erotico e vuoi capirne di più non possiamo che invitarti a seguire delle guide.

WIKIPEDIA

WIKIHOW


Come utilizzare i Numeri Erotici?

Per i numeri abbiamo voluto stilare un vero e proprio decalogo del sesso al telefono. Per aiutarvi a comprendere meglio il loro funzionamento e avere tutte le informazioni su la Linea Erotica. Ovviamente le nostre informazioni mirano a farti avere il miglior rapporto con le ragazze che si possa avere nel minor tempo possibile.

La guida ufficiale per il Sesso al Telefono.

Questa sezione offre, oltre ad alcuni numeri erotici della Linea Erotica, tutte le informazioni utili per avere un ottimo rapporto telefonico. Una guida definitiva che potrà aiutarti in questa esperienza a dir poco unica.

ENTRA NELLA SEZIONE:
“COME FARE SESSO AL TELEFONO”


I Numeri più richiesti

Questo è un Numero Erotico “Top Class”. Dalida, la nostra ragazza, è una padrona fuori dal comune. Una ragazza capace di regalare emozioni fuori dal comune e sopratutto una Dea del Telefono Erotico.

ENTRA NELLA SEZIONE NUMERO EROTICO TOP

Numero Erotici a basso costo hanno sempre lo stesso scopo è sono diventati più “accessibili” grazie appunto al loro costo rispetto al mercato. Grazie al servizio Voip di chiamata digitale la telefonata viene smistata all’operatrice a te più vicina per evitare inutili costi di gestione da terzi.
La condizione non offre solo al cliente di intrattenersi di più ma anche le ragazze sono molto più felici di avere il tempo di scaldarsi. In fondo chi siamo noi per dire loro con chi hanno la possibilità di intrattenersi? Che siano amici del sito o più semplicemente tra di loro non possiamo controllarle tutte!

Sesso al Telefono a soli 0.33€

La Linea Erotica con il costo più basso che puoi trovare. Paghi meno godi di più! Un motto voluto fortemente da tutte le nostre ragazze che ogni giorno non fanno altro che chiedersi come porter far godere per più tempo possibile!

Intrattenimento erotico - numeri erotici - linea erotica
Intrattenimento erotico – numeri erotici – linea erotica

Già eravamo forti nei prezzi, ora lo siamo ancora di più. Una promozione dedicata a voi, iniziata a Gennaio 2020 e fortemente voluto dalle nostre ragazze, ha aggiunto una numerazione a Basso Costo in ogni categoria.
La nostra Linea Erotica dunque riserva chiamate a soli 0,33€ al minuto + IVA. Parlerete di più e pagherete di meno ma sopratutto non avrete più voglia di smettere!

Quale  miglior regalo per i nostri più grandi clienti della Linea Erotica? Non potevamo dedicarvi promozione migliore di questa. Considerate anche che i nostri centralini sono costantemente presi d’assalto e dirvi di affrettarvi è d’obbligo visto il volume delle chiamate.

Linea Erotica Ragazze

Linea Erotica Trans

Linea Erotica Mature

Linea Erotica Anziana

Il nostro sito di Linea Erotica non offre solo intrattenimento ma anche una vasta gamma di Numerazioni dedicate. Inoltre potrai accedere a Conversazioni Erotiche pre-registrate più facilmente chiamate “Ascolta e Godi“. Entrando nella sezione troverai tutte le informazioni del caso. Potrai divertirti ascoltando le fantasie di ragazze che hanno avuto il desiderio di registrarsi e mettere a disposizione le loro storie.

Ascolta e Godi

Il Telefono Erotico in italia
La Storia delle Linee Erotiche.

Il Telefono Erotico è un servizio sempre più richiesto. Sin dagli anni 80 la Linea Erotica è sempre stata attiva addirittura da quando le numerazioni iniziavano con 144. Questo settore non ha quasi mai subito la crisi e si è trovato sempre con un terreno molto prosperoso sotto i piedi. Ragazze, di tutte le età, etnie e religione hanno sempre avuto una concreta opportunità di guadagno in questo settore.


Un Blog dedicato ai Racconti Erotici

Non potevamo non offrirti una sezione dedicata ai Racconti Erotici, scritta dalle nostre ragazze e dai nostri lettori e amici di Lineaerotica.it. Gran parte di queste storie saranno presto l’inizio di una nuova collaborazione con www.raccontierotici.org un progetto fatto in casa.

In questa sezione potrai trovare Storie Erotiche di ogni genere. Dagli Esibizionisti al Bondage per finire alle storie di Sesso di gruppo. Se leggendo ti venisse voglia di raccontare la tua storia non esitare perché potrai condividerla con noi in modo del tutto gratuito. Approfittane subito e leggi tutti i Racconti Erotici del 2020 pubblicati sul nostro sito di LineaErotica.it

Racconti Erotici

Altre sezioni che potrebbero interessarti:

Non dimenticare di seguirci sui nostri social e sulle nostre community:

Seguici anche su tutti i nostri social : FacebookInstagramTwitterVirgilio

Puoi trovarci anche su PornHub ed Eporner

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Numero erotico lesbo – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Come sono diventata la schiava di mio marito e non solo

Stavo davanti allo specchio in reggicalze. Mi ero appena tolta le calze e avevo messo le bretelle nere e il perizoma nero trasparente inguinale. Indossavo anche
calze color crema senza cuciture. Stavo per slacciare di nuovo il reggicalze e indossare i collant quando ho sentito Paul, mio ​​marito, chiamare. “Susy, siamo pronti, tiro fuori la macchina dal garage”. Giù nel corridoio i due bambini e mio marito se ne andarono rumorosamente.

Ho aspettato il botto mentre la porta d’ingresso si chiudeva sbattendo. Nessuno dei tre riuscì a chiudere la porta silenziosamente, come era opportuno. Adesso mi restavano tre minuti. Senza pensare, ho indossato il mio vestito estivo. Dato che indossavo un abito estivo con la parte posteriore trasparente, il reggiseno non era necessario dato il mio seno piccolo. Presi velocemente la borsetta, che conteneva il kit per il trucco. Potrei anche truccarmi in macchina.

Corsi giù per le scale come un fulmine. Dall’esterno giunse il primo breve suono di clacson. Mio marito adesso era seduto con impazienza in macchina. Come lo conoscevo, stava già tamburellando con le dita sulle razze del volante. “Che tipo di scarpe dovrei indossare? Cinghie e scarpe basse? È semplicemente senza stile. Allora, le
décolleté nere. Non così alte, così almeno posso camminarci sopra”. Quando ho indossato le scarpe, c’erano già due colpi di clacson, non corti, medio lunghi.

Adesso sta diventando nervoso. Mentre uscivo, ho preso il mio cappotto estivo e ho controllato se era tutto a posto nel corridoio. Ero già davanti alla porta e la chiudevo a chiave. Mentre mi sedevo sul sedile del passeggero, mio ​​marito disse la solita frase: “Ci vorrà un’eternità”. Poi accelerò come se volesse correre in una corsa automobilistica. Mi sono guardata alle spalle.

I due ragazzi avevano tirato fuori i loro Gameboy ed erano immersi nei loro giochi. Adesso potevo rimettermi in pari con il trucco. Mentre stavo applicando il rossetto, mio ​​marito mi ha guardato di sbieco. Lo sguardo mi diceva che non dovevo esagerare perché andavo a lavorare e mi avrebbero visto solo i richiedenti asilo. A peggiorare le cose, mi ha anche messo una mano sulla coscia. Gli ho preso la mano e l’ho posizionata sul volante, scuotendo la testa e indicandola verso i bambini.

Con un sospiro, si concentrò sul traffico, io appoggiai la testa al sedile e chiusi gli occhi…

Tutto è iniziato circa una settimana fa. Ho dovuto effettuare due visite ispettive sul campo. In realtà, queste visite di controllo ai richiedenti asilo vengono effettuate solo da due operatori sul campo della mia agenzia. Ma il mio collega era malato e non avevo voglia di passare una giornata in ufficio. Volevo uscire. La prima visita è stata davvero ridicola. Ero davanti alla porta di un appartamento in un fatiscente edificio di dieci isolati. Quando nessuno ha risposto al
campanello, mi sono diretta all’indirizzo successivo.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Ma la seconda visita… non avevo mai sperimentato nulla del genere. In realtà era una zona residenziale atipica per i richiedenti asilo. Ho suonato il campanello in un ordinato blocco di quattro. Secondo i miei documenti erano una coppia Turca. Lui un funzionario di un partito di opposizione perseguitato in Turchia, di professione fisico e lei una casalinga. Ho alzato le spalle, ho chiuso i documenti e ho suonato di nuovo il campanello.

Si sentiva un rumore dietro la porta. Nella mia mente ero felice che almeno fossero a casa. Ho tirato fuori velocemente la mia carta d’identità e ho aspettato. La porta si aprì e nell’inquadratura apparve una donna sulla quarantina. Indossava un abito blu uniforme e un velo abbinato, proprio il tipico abito delle donne musulmane. Con una mano teneva l’estremità del panno davanti alla bocca. Le sue unghie erano in contrasto perché erano dipinte di rosso vivo.

Mi guardò con aria interrogativa. Ho alzato il distintivo e mi sono presentata. Con occhi timorosi mi invitò ad entrare in un tedesco stentato. Le ho detto che volevo parlare con suo marito. Lei annuì e mi fece cenno con la mano libera di seguirla. Nel corridoio mi prese la giacca di pelle e la appese all’unico mobile del corridoio, che era un attaccapanni.

Mi condusse lungo il corridoio in un soggiorno. Mi sentivo come se fossi in un altro mondo. Le pareti e il pavimento erano ricoperti di tappeti. Potresti cercare i mobili con una lente d’ingrandimento. Nell’angolo più lontano c’era qualcosa come un tavolino. C’erano tazze da tè con sopra una teiera dall’aspetto esotico. Entrò nella stanza dalla porta opposta. Era un uomo alto e magro con occhi penetranti. Non avevo mai visto uno sguardo simile prima. Sono diventata totalmente insicuro.

Non presta attenzione al mio distintivo, che ho tenuto in mano. Mi ha semplicemente guardato negli occhi e ho notato che la donna lasciava la stanza e all’improvviso mi sono sentita sola e minuscola. “Buongiorno, mi chiamo Susy, dell’Ufficio per l’integrazione e l’asilo. “Sono qui per informarmi sulla vostra situazione,” balbettai piuttosto male.
Ha preso la mia carta d’identità e l’ha guardata. Ho guardato la mia carta d’identità e le sue dita. Indossava un grande anello con sigillo e aveva dita lunghe e curate.

Poi i suoi occhi mi guardarono di nuovo e in un tedesco impeccabile mi disse: “Sei una bella donna, ma ti vesti da uomo. Una donna non dovrebbe farlo. Mi hai capito?” Gli ho annuito, completamente sorpresa. Abbiamo mantenuto costantemente il contatto visivo. Diventavo sempre più piccola sotto quegli occhi penetranti. Ha lasciato cadere con noncuranza la mia carta d’identità. La sua mano toccò il mio seno destro. Erano tocchi gentili ma decisi.

Continuava a guardarmi. Ero congelata. Il mio capezzolo destro è diventato più duro. Il suo tocco divenne più deciso. Ho gemito. Con uno strattone mi strappò la camicetta e i bottoni volarono via.
Senza esitazione me la fece scivolare dalla spalla e la tirò fuori dai pantaloni di pelle. La camicetta seguì i bottoni e finì sul pavimento. Stavo davanti a lui in reggiseno. Non potevo muovermi, ero congelata dal suo sguardo. Poi ho sentito un coltello aprirsi.

Ho sussultato per lo shock quando ho sentito il freddo metallo sulla pelle tra i seni. Ha sferragliato brevemente e il reggiseno mi è caduto mollemente sul seno. Se l’ha sfilato. Stavo davanti a lui a torso nudo e ancora non riuscivo a dire una sola parola. Le sue mani si posarono sulle mie spalle e mi spinse in ginocchio. Adesso ero in ginocchio davanti a lui. Senza ulteriori indugi, slacciò la cintura di pelle nera e si abbassò i pantaloni. Dato che non indossava biancheria intima, ho subito visto
il suo pene semiduro.

Ancora completamente confusa, lo sentii toccare la mia bocca con la punta del suo pene. Come se sotto una sorta di costrizione mistica, l’ho aperta e lui ha immediatamente infilato il suo membro nella mia bocca. Immediatamente divenne più rigido e si gonfiò ancora di più, e cominciò a muovere ritmicamente i suoi lombi avanti e indietro. Diresse la mia testa con decisione e spinse il suo membro più forte e più profondamente nella mia bocca.

Non ho mai avuto un cazzo in bocca così brutalmente. All’improvviso si è irrigidito un po’, poi si è tirato fuori e mi ha sparato senza preavviso tutto lo sperma sulla faccia. Rapidamente, si sollevò i pantaloni e li chiuse con la cerniera. Ha detto alcune frasi ad alta voce in siriano. Poi lasciò la stanza. Ero ancora in ginocchio, a torso nudo. Tutta la mia faccia era ricoperta di sperma. Sua moglie è apparsa accanto a me. Mi ha aiutato a sedermi.

Lei mi prese silenziosamente per mano e mi condusse in bagno dove potevo lavarmi. Quando ebbi finito, mi portò in cucina e mi diede del tè. Le ho annuito con gratitudine, ma con la testa rosso vivo. Ci siamo appena resi conto che avevo fatto un pompino a suo marito. Si è seduta accanto a me e ha cominciato a ricucire i bottoni della mia camicetta. Ho dovuto riconoscere senza invidia che ha cucito i bottoni in un attimo. Mentre cuciva, la guardavo. In realtà era piuttosto carina, per quanto si poteva dire. In realtà hai visto solo il viso e le mani.

Il viso era carino, ma stranamente truccato. Aveva applicato un rossetto con un bordo nero leggermente da troia. Le sue guance erano dipinte di un rossore invadente. In un attimo i bottoni furono sulla camicetta. Me la porse con un sorriso. Ho detto: “Grazie”, le ho fatto un cenno e mi sono messa la camicetta. Mentre stavo indossando la giacca di pelle nel corridoio, all’improvviso si è fermato davanti a me e mi ha trafitto di nuovo con il suo sguardo. Mi ha restituito la carta d’identità e ha detto: “La prossima settimana alle 14,30 tornerai qui, ma ben vestita.”

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Poi si è voltato ed è andato via. Mentre ero seduta nella mia macchina aziendale, non potevo credere a quello che mi era successo. Non avevo mai fatto sesso così brutalmente. Quel ragazzo mi ha semplicemente usato come un oggetto. Durante il viaggio verso l’ufficio mi arrabbiavo sempre di più. Ero una donna emancipata, poi
arriva un macho totale e mi usa come un oggetto. Poi il ragazzo ha il coraggio di dirmi quando dovrò tornare di nuovo da lui.

Sono stata lanciato in avanti. La cintura mi ha preso. Alzai lo sguardo e notai che eravamo davanti alla scuola. Con un rumore simile a quello di un aereo in decollo, i nostri figli sono scesi dall’auto. Ho potuto appena dire “arrivederci” quando mio marito è subito ripartito. La tappa successiva è stata il mio ufficio. Ho chiuso di nuovo gli occhi, rituffandomi nel lunedì sera precedente.

Ero impegnata a sparecchiare quando mio marito mi è arrivato alle spalle. I bambini erano nella loro stanza e guardavano qualcosa alla TV. Avevo il burro nella mano destra e la salsiccia nella sinistra. Mio marito stava dietro di me. Le sue mani si alzarono e mi accarezzarono il seno. Mi ha sussurrato: “Ho notato che non indossi il reggiseno.” Il mio reggiseno. Il turco me lo perse. Mio marito ha premuto i suoi pantaloni contro i miei pantaloni di pelle. Sentivo che c’era qualcosa di gonfio che mi stava aspettando.

Il burro e la salsiccia rimasero sul tavolo. Senza resistenza mi spinse in camera da letto. L’esperienza mattutina è stata così calda che ho avuto due orgasmi mentre mi scopava. “Ciao Susy, non addormentarti più”, mi ha detto. La sua mano era di nuovo sulla mia coscia. All’improvviso la mia mano tornò sulla sua e la spinsi nuovamente via. Sono stata fortunato perché l’ufficio era in vista. Entrò in un parcheggio, lo baciai sulle labbra e scesi dall’auto.

Perché faccio una cosa del genere? Per la terza volta mi è tornata in mente la domanda. Era lunedì e indossavo un vestito proprio come voleva lui. “Sono pazza”, mi sono detto nella mia testa. Scuotendo la testa, andai nel mio ufficio. Naturalmente, quando sono entrata in ufficio con un abito estivo, ho dovuto ascoltare i commenti dei miei colleghi maschi che si fecero sempre più pesanti.

Più tardi avrò da ridire qualcosa al turco e mi riprenderò il reggiseno. Non me ne frega niente, sono una donna emancipata e non una schiava domestica turca. Alle 13:45 sono uscita dall’ufficio e in realtà stavo facendo esattamente quello che questo macho voleva da me.

Mentre sedevo in macchina la mia rabbia aumentava man mano che diventavo sempre più agitata. Con questo strano mix di emozioni, mi sono fermata sulla porta 5 minuti prima delle 14:30 e ho suonato il campanello. Come l’ultima volta, si udì un rimbombo dietro la porta e lei rimase sulla soglia con indosso la sua uniforme blu da donna, tenendosi il velo parzialmente sulla bocca con una mano. Lei mi guardò e annuì mentre apriva la porta. Mi sono precipitato nell’appartamento e stavo per spiegarle che volevo solo il mio reggiseno, quando l’ho visto in piedi nel corridoio.

Lui mi ha guardato e ha detto due parole in turco, si è girato ed è andato nel suo soggiorno. La porta d’ingresso si chiuse e sua moglie si chinò, tirò su il tessuto del vestito blu e se lo infilò sopra la testa. Ora stavo lì con la bocca aperta. Indossava un vestito di gomma nero attillato sotto il vestito blu, con stivali col tacco alto. L’abito aveva un taglio generoso sul cavallo in modo che si potesse vedere la sua figa ben rasata e inanellata. Il mio sguardo scivolò sui suoi seni, strettamente coperti dalla gomma.

I capezzoli inanellati erano chiaramente visibili. Adesso capivo perché si truccava così da troia. Lei mi sorrise, mi prese per mano e mi condusse in soggiorno. Non c’era niente da vedere lì tranne i tappeti. Attraversammo la porta da cui era entrato il turco durante la mia prima visita. La stanza era piccola e ancora con la moquette. Al centro della stanza c’era un tavolino rettangolare. Davanti ai lati lunghi sedevano il turco e un altro straniero.

Fine della 1° parte, continua a leggere la storia qui.


Con le nostre telefonate erotiche potrai soddisfare ogni tuo desiderio, cosa aspetti? Chiama la linea erotica!

Sostieni come noi il wwf per aiutare le specie in via di estinzione

Siamo anche sulle seguenti piattaforme: